Warning Cookies are used on this site to provide the best user experience. If you continue, we assume that you agree to receive cookies from this site. OK

Opali Sintetici che aspetto hanno e come riconoscerli

19/06/2021
by Flavia Basile

✧Oggi parliamo di opali sintetici/artificiali e come distinguerli dagli opali naturali!
Ma iniziamo con una piccola introduzione.
L'opale naturale è un minerale della famiglia dei silicati, è composto principalmente da silice e la sua formazione avviene mediante un lento deposito geologico di gel colloidale di silice a basse temperature, il tutto nell'arco di 20-50 milioni di anni!
L'opale è la pietra più famosa per i suoi giochi di colore, dovuti alla disposizione delle sfere di silice che creano effetti di interferenza e diffrazione della luce creando il luminoso fenomeno di iridescenza tanto ricercato!
Infatti non a caso tra i fattori di valutazione per determinare il valore in un opale, spicca la presenza del fuoco più o meno accentuata (giochi di colore). Più forte sarà il suo fuoco e più valore avrà la pietra.
✧L'opale ricopre anche un ruolo importante nell'immaginario di pietra magica per eccellenza nel corso della storia, basti pensare che il suo nome deriva dalla parola in sanscrito "Upala" che significa "pietra preziosa". Altre fonti riportano anche al greco "Opallios" che significa "vedere un cambiamento", infatti per gli antichi greci l'opale era una pietra di buon auspicio, un vero e proprio amuleto porta fortuna.
Così sappiamo che anche in antichità l'opale era una bellezza pregiata e molto apprezzata, infatti ciò non è cambiato ai giorni nostri!
✧In tempi recenti nel 1974, la ditta Gilson riuscì a replicare artificialmente i pregi dell'opale creando un materiale adatto a sopportare alte temperature, adatto alla lavorazione del vetro, dando la possibilità di creare monili e oggetti con inclusioni dall'aspetto verosimilmente opalino unendo le virtù dell'artigianato del vetro. Da qui nasce quindi il primo opale sintetico che prende il nome della ditta produttrice "Gilson".
Poco dopo anche in Giappone viene creato l'opale sintetico, dando il via ad una ulteriore varietà non adatta alle temperature elevate della lavorazione del vetro, ma particolarmente adatta a diverse applicazioni e alla portata di tutti.
Questa tipologia di opale sintetico è composta da Silice e  resina, la qualità di questo prodotto sta nelle percentuali di silice e resina presenti. Più alta è la quantità di silice rispetto a quella di resina e più il prodotto presenterà una elevata qualità.
La creazione di questi materiali mima chimicamente il processo di formazione naturale dell'opale abbattendo notevolmente i tempi di produzione

Comments

No posts found

Write a review